‘A PROMOZIONE


' a promozione 3

'A promozione

DSC_0415[1]

'A Pormozione per Le 5 Giornate di Roma

Titolo Performance: ‘A Promozione

Autore del testo: Alessandro Cola

Autore della colonna sonora: Matteo Rossi

Altrimenti detti il duo “Bongiornobonanotte”


INTERPRETI

Bongiornobonanotte

TESTO

‘A PROMOZIONE

…Sor Piè,

me presti ascolto…

ho preso er numeretto

e me sò messo in fila…zitto zitto,

pe’ dije dù parole…

rimango su la soija

‘n’ se disturbi…

io je chiedo solo de stà attento…

‘n attimo che parlo e me presento…

Sor Piè, me chiamo Mario…

sicuro,

come me n’ha visti tanti

de soldatini e fanti..

che nun ciàvemo santi

né sopra er calendario…

e tantomeno ar ministèrio..

Mò..

saranno ‘na decina d’anni fa…

che ‘n cerca de un mestiere

me diressi ar norde

pe’ trovà de faticà…

e fui assunto da acciaiere

metalmeccanico acciaiere”

…Sor Piè, si lei sapesse

si che arietta tira…

capirà: ce vòle der coraggio

…pe’ quarche lira…

sortì da casa omo

pe’ ridusse da ingranaggio…

co’ l’umanità vizzietto puro

chè.. er contratto parla chiaro

fatta artrove l’anima

qui ..ce se fa er culo.

…A strillà da qui,

ma chi ce se sente??..

li diritti nostra sò in sordina

la voce nostra ‘n coro…conta poco e gnente…

er Dirigente sì,

cià voce piena…

sò ‘e mano loro a fa le condizioni

…’e mano loro che firmeno i contratti…

Sempre quele mano

che stringheno altre mano

….Che dicheno che “quì nun ce sò rischi”!

Ma quei padroni qui…

io poche vorte ce l’ho visti.

Si chè è cosa risaputa da ‘n ber pezzo:

le navi sò dei capitani

mica sò der mozzo

e i capitani vanno dritti

…abbasta che s’ariva,

… e poi ‘na vorta a riva…fora l’onne

noi tiramo i remi

e loro tireno le somme…

E de tutta la pagnotta

a noi ce tocca ‘na mollica,

la sorte ne ‘sto modo

è ripartita

…ma..

sta vita… sor Piè,

io la scelsi pè l’onore

de la donna che me presi come moje…

La rubbai pischella ar focolare

e…er tempo de capì ched’è l’amore…

che già ciaveva ‘n grembo dù creature…

Sor Piè, si lei vedesse quei musetti…

e l’occhi de la mi donna quanno torno…

capirebbe…quelo è er paradiso vero…

pe’ chi cià er purgatorio fisso undic’ore ar giorno….

Ho scelto ne stò modo de campà,

pensanno solo a loro…

pe’ assicuraje pane e dignità.

…E mò lei capirà

che si sto qua, qualcosa nun je quadra…

perchè potevo sta tra le lenzòla

co’ mi moje, beato

a fa l’amore…

o cor soriso a cantà ninne nanne

pe’ fa addormentà quelle creature…

E ‘nvece stò ar cospetto

de San Pietro

a reclamà piagnenno ‘nsurti

pe’ Nostro Signore!

Perchè ‘n quell’inferno

ce sò morto…

Dicheno che è stato per erore…

certo, quarche cosa è annato storto…

sinnò io me salvavo, nun je pare?

E mò sto qui pe’ reclamà li danni

pè dì che nun è stato un incidente…

che si uno brucia vivo a trentun’ anni

chiede solo scusa

è indecente…

Come fa ‘na mamma a spiega a ‘n fijo…

bimbo lassa perde d’aspettà, sulla porta

pe’ venije incontro…

tanto nun ritorna più papà!

…E fioccheno i “processi” all’aldiquà!

‘o scaricabarile de le colpe…

Se sprecheno i proclami su le bocche…

perchè ‘e tragedie…giù…

fanno indignà!

Chè la moralità se venne bene

Quanno la demagoggia

conviene

er populismo..

fa la carità!

Per carità……..

La verità…? Sor Piè..

La verità…

è che

c’era chi sapeva e nun ha detto.

c’era chi poteva e nun ha fatto.

e come sempre c’era chi magnava..

e che continuerà

a riempisse er piatto…

certo del fatto che ‘ndò ce sò plebei

ce sta er patrizio..

..che ce specula…

chè l’omo è ‘n lupo che nun perde er vizio,

E’ la regola :

si nasci pecora, davanti a li soprusi, beata te…

pòi solo dì: “va bhèèèèèè…..”

E mò me tolgo ‘o sfizio!

de rialzà la testa

‘n segno de protesta…

Pe’ esse risarcito fin’ in fonno

der furto che ho subito:

la giustizia

La vengo a chiede qui, all’artro monno…

la giustizia

pe’ chi nun ha scelto d’esse martire…

che ar Golgota c’è ìto a tradimento…

e sò un elenco…

Li cristi crocifissi senza ‘n credo

e ‘n testamento, sur lavoro…

e io sò uno de loro…

mannato sur patibolo…

ma nun me l’hanno chiesto…

sinnò je avrei risposto

che piuttosto che

crepà da simbolo…

io preferivo vive…più da omo…

Io…

so’ Mario, Mario l’operaio…

morto come ‘n prospero, pe sbajo.

Je faccia er nome mio ar SignoreIddio

Je dica…:

E’ passato qua ‘n sù fijo,

nero come ‘n tizzo de carbone,

ch’è partito ch’era ‘n’operaio…

e mò…

LA PRETENDE DA VOI…

…’A PROMOZIONE!

Creative Commons License
‘A promozione by Alessandro Cola, Matteo Rossi is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://creativecommons.org.

‘A PROMOZIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...