MAMMA ROMA

Titolo performance: Mamma Roma

Autore: Pierpaolo Pasolini

Regia: Ida Casilli

Assistente alla regia: Marco Vignone

INTERPRETI

Chiara Cavalieri: Mamma Roma

Ambra Quaranta: Biancofiore

Giorgia Goldoni: prostituta 1

Roberta Lucca: prostituta 2

Elena Perrone: prostituta 3

Marco Caldoro: militare in borghese

INFO

Stile performance: rievocativa, satirica

Location: Pigneto (Area Pedonale)

Durata: 20 minuti

SINOSSI

Una mamma spinge la figlia a conoscere un politico o un personaggio influente per garantirgli un futuro di successo e di benessere. Si scopre una realtà difficile per la ragazza che aveva idealizzato quel mondo scoprendolo subdolo e insignificante.

TESTO

MAMMA ROMA: Addio, mò me ne vado!

Il gruppo di prostitute la saluta.

(E chi se ne frega!

Addio Mammarò!)

(Mamma Roma se ne va e comincia a camminare. Mano a mano le si avvicineranno varie persone).

MAMMA ROMA: Me ne vado per sempre e senza invidia eh!

DONNA: statte bene.

MAMMA ROMA: A voi l’onore, bellezze! Addio! (tra sé) Triste chi rimane.

BIANCA FIORE: A Mammarò, ma ‘ndò vai? Che te ne vai via così di brutto?

MAMMA ROMA: Addio Bianca Friò! Tu sei la più brava de tutte qua mmezzo..

BIANCA FIORE: Tiè, e bevi, fatte ‘na bevuta va, offro io.

(Mamma Roma beve)

St’ambriacona!

MAMMA ROMA: Alla salute tua! Che ce n’hai proprio bisogno, aò, cò tutte stè malattie che girano!

MAMMA ROMA: Addio, addio Bianca Fiò, addio bambole! Addio! Addio!

UOMO 1: si avvicina cantando una canzonetta

MAMMA ROMA: Aò, ma che vai cercanno te?

UOMO 1: Sto a pijà er fresco…

MAMMA ROMA: Eh…ma io mica batto!

UOMO 1: Era ora!

(Mamma Roma ride)

E che te ridi, aò?

MAMMA ROMA: Tu me sei simpatico, lo sai? Eh, mannaggia….’O sai che ‘n tanti anni che sto qua nessuna sa chi ssò io?

UOMO: Eh, “cor contento lingua al vento”

MAMMA ROMA: Eh…eh… Vicino ar paese mio ce stava la villa de un politico, uno vecchio, uno ricco, che proprio i milioni se lo magnavano..

UOMO 1: Ah!

MAMMA ROMA: …Tutto vestito alla Robespierre, tutto abbronzato, cò la bandana… me pareva un pirata, oh. ‘O sai come aveva fatto i quattrini quello? Cò la televisione.

Questo pensa: “Beh, mò me invento ‘na cosa per il popolo, ‘na cosa che lo fa esse felice come na pasqua, che me lo rincojonisce bene bene…che sarebbe, appunto, la televisione.

UOMO 1: Aò Maurè, te passo la fiaccola!

(Arriva un altro uomo, Mamma Roma continua a raccontare)

MAMMA ROMA: …Insomma questo fa er primo canale…E ce mette uno a dì le notizie. Però no quelle vere, ma quelle che je diceva de dì lui! Stò figlio de nà mignotta ò…Poi ne fa n’artro…e ce mette tanti giochi a premi che tu telefoni e vinci ‘n sacco de sordi…così se tu eri povero e vincevi, poi, je dovevi pure dì grazie perché nun eri più povero! Stò paraculo! Poi ne fa n’artro ancora, e ce mette tutte belle signorine, tutte che ridono, tutte che ballano…aò tutte cor culo de fori, e nun dovevi manco pagà! A un certo punto siccome era diventato uno importante, je dicono: “Perché nun te metti a fa er politico?”. E quello all’inizio nun ce voleva andà,

UOMO 2: Si, mò nun ce voleva andà!?!

MAMMA ROMA: No, dice che nun ce voleva andà, mbè? Perché c’aveva già le televisioni sue, che gliene fregava? Però poi c’è dovuto andà, perché o andava a fa er politico, o andava in galera! E allora s’è fatto eleggere da tutti quelli che avevano visto il telegiornale, che s’erano arricchiti coi quiz, e se rincitrullivano a forza de vedè tette e culi.

Quant’era brutto quer vecchio aò…ammazza! C’aveva avuto nà malattia ar pisello, se lo doveva tirà su co’ nà pompetta. C’aveva l’asma, c’aveva i reumatismi, c’aveva la colite, c’aveva la sciatica, c’aveva er diabete, aò, puzzava…

UOMO 2: Era cristiano almeno?

MAMMA ROMA:…Lui c’aveva 73 anni, e io manco 18. Mi’ madre se vedeva sempre le televisioni sue, e diceva che me poteva aiutà… (ridono)

UOMO 2: Ah, si? E aiutà come, Mammarò?

MAMMA ROMA: Ammazzaò quant’era vecchio, pareva che j’erano rimasti ddù ggiorni de vita, nun c’aveva manco più i capelli, se l’era fatti mette finti pe’ nun fa vedè quant’era brutto!…

(L’uomo si ferma. Mamma Roma continua a camminare. Intorno ci sono altri uomini, un po’ effeminati, che passeggiano. Gradualmente si avvicinano).

MAMMA ROMA:…Questo mò more. Mò more. More! More! ‘A dà morì questo!

UOMO 3: A’ Mamma Rò, e chi è c’ha da morì?

MAMMA ROMA: Un vecchio che m’hanno voluto appioppà!

UOMO 3: che scandalo, te volevano fa stà co’n vecchio!

MAMMA ROMA: Me c’hanno fatto stà! E ancora ce devo stà co’ quello!

UOMO 3: E tu nun te sei ribellata eh?

UOMO 4: Mmm, magari me l’avrebbero fatto a me, cor cavolo!

MAMMA ROMA:(facendogli il verso) Si? Davero?…Perchè, tu eri più dritto de me? Ah! Te volevo vedè ar posto mio a te. Insomma mì madre non c’aveva mica tutti i torti a farmici andà co’ quelo…

UOMO 3: Che madre snaturata!

MAMMA ROMA: “Ma come sarebbe addì, quello c’ha i milioni…” , me diceva mi madre, “…quello è ricco sfonnato. Quello c’ha 70 anni e te more pure sotto le mani: ma che vvoi? Ma che nun te piacerebbe andà in televisione? A guadagnà sordi senza lavorà? E poi, quanno nun poi più sculettà, te trova un posto sicuro, te trova ‘n posto ar parlamento magari, no? Te fa ffà la Ministra de quarcosa…Ma che te puzza a fà la signora pe’ tutta la vita? Dopo te lo scegli n’artro, eh!”

UOMO 3: Mmm, e tu sì ita cor vecchio? Che scandalo…Magari era pure sadico…

MAMMA ROMA: (scoppia a ridere) La volete sapè nà cosa? Mì madre è morta, mì padre pure, e quello campa ancora! L’animaccia sua! E’ pe’ questo che me so messa a fa la vita!

UOMO 3: Mmm, la vita…

MAMMA ROMA: Si, me so messa a fà la vita!

(L’uomo le si mette davanti e accenna un cha cha cha)

MAMMA ROMA: A’ matto! A’ turco! E me ne vado, buonanotte! Oramai me so guadagnata stò monno e pure quell’altro! (cantando) Me ne vado per sempre, cha cha, cha cha…Addio!! Addio, cha cha, cha cha…

UOMO 3: Ma pigliate ‘na purga, all’età tua balli ancora er cha cha cha, ma non lo vedi quanto dai scandalo, figlia mia!

MAMMA ROMA: Ah, si?! E a chi do scandalo?

UOMO 3: Non lo sai a chi? Ai farisei, no?

MAMMA ROMA:Ma vvà mmorì ammazzato, te e i farisei!

Creative Commons License
Mamma Roma idea by Ilaria Liberatore and Cinque Giornate di Roma is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...